“Un viaggio tra passato e presente“

L’Associazione Culturale “Ville Borbone e Dimore Storiche della Versilia” ha come obiettivo primario dimostrare come i beni culturali possano costituire una vera e propria risorsa che, attraverso un’adeguata gestione integrata, possa fornire un significativo contributo allo sviluppo sociale ed economico locale e valorizzare il patrimonio della Versilia. In quest’ottica di promozione e sviluppo culturale risulta importante il contributo della scuola attraverso la propria partecipazione alle attività proposte, intese come momento istruttivo e formativo inserito in una precisa programmazione educativa.

A tal fine vengono offerte alle Scuole proposte innovative, fortemente strutturate, ad alta valenza educativa.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il Progetto ha lo scopo di promuovere il territorio attraverso un viaggio come “laboratorio”…di esperienze, di attività, fatto di passato e di presente, caratterizzato da un “uso didattico” del territorio in cui l’arte, la scienza, la storia e le tradizioni, le produzioni agrotipiche e il patrimonio ambientale costituiscono altrettante tappe di un viaggio che assurge a laboratorio conoscitivo, a fucina di progetti per lo sviluppo e la qualificazione del territorio di riferimento.
L’ideazione di itinerari turistici innovativi, che coniugano la competitività dei costi alla qualità didattica necessaria alle nostre scuole, fa sì che il “viaggio” acquisisca la valenza di un momento di crescita culturale per i fruitori dell’iniziativa e strutturale per il territorio nel suo insieme, creando ambiti di relazione sostanziale tra la scuola e le parti sociali chiamate ad interagire sia sulle politiche formative che per la composizione delle attività di sviluppo del contesto in cui opera la scuola.
Il progetto intende sostenere e promuovere l’offerta di “turismo scolastico” con la costituzione di un sistema di accoglienza qualificato, caratterizzato da un energico raccordo tra micro comunità e rilevanti realtà territoriali che potenzi al massimo la funzione conoscitiva del viaggio d’istruzione, capace di tradursi in vero arricchimento formativo.

OBIETTIVO GENERALE DEL PROGETTO

Valorizzazione delle risorse esistenti come capitale da sviluppare
Attività:
– Identificare “lo spirito del luogo”, ossia far emergere tutto ciò che caratterizza in modo inequivocabile e profondo il territorio (prodotti, atmosfere, ambientazioni, sapori) per meglio definire l’identità del luogo;
– Ricercare e riorganizzare tutte le mappature esistenti dei beni turistico-culturali;
– Identificare processi per la costruzione di “pacchetti integrati” di offerta turistica ad alto valore aggiunto, volti a valorizzare l’identità del luogo e sviluppare l’offerta turistico-culturale della zona;
– Avviare un processo d’integrazione con il sistema scolastico e formativo della zona

OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO

Il Progetto è indirizzato alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Gli Istituti scolastici hanno la possibilità di scegliere tra diversi itinerari.
Noi immaginiamo il viaggio come una metafora della vita pertanto le visite d’istruzione qui proposte dovrebbero determinare nei fruitori delle nostre iniziative curiosità, stimoli e crescita.

1) PER LE SCUOLE PRIMARIE
Le visite per la scuola primaria rappresentano un’occasione imperdibile per la scuola in quanto è innanzitutto con i bambini che bisogna promuovere educazione all’ambiente, all’immagine, all’ascolto, apprendimento in situazione riferito a ogni materia curricolare e in generale a quell’insieme di attività che determinano la qualificazione degli stili di vita.
E poi…..la pienezza di un viaggio è la possibilità di vivere il Paesaggio, eventi di straordinario fascino per grandi e piccini, i laboratori di scrittura, il gioco, gli incontri con i personaggi che hanno vissuto storicamente nelle Ville.

2) PER LE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO
Le visite per la scuola secondaria di I grado rappresenta un’ occasione per sensibilizzare gli alunni alla conoscenza ed alla tutela del patrimonio culturale, ambientale, artistico, storico e antropologico nelle sue diverse manifestazioni, quale eredità storica locale.
E’ un modo di coinvolgere gli studenti, rendendoli protagonisti dello sviluppo del proprio territorio, nella scoperta di luoghi, città, culture e tradizioni ma è anche un modo di favorire e diffondere, attraverso comportamenti consapevoli e rispettosi dell’ambiente, una cultura tendente al recupero dell’antico legame uomo-natura, per diventare ‘Ambasciatori di bellezza’ del loro territorio.

3) PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO
Le visite per la scuola secondaria di II grado, oltre a raccogliere in sé tutti gli obiettivi sopra citati, rappresentano un valido supporto nel promuovere anche esperienze di incontro, di dialogo, di confronto nonchè di condivisione. Oltre alle visite guidate, saranno coinvolti esperti e storici che hanno studiato le ville del nostro territorio per un ulteriore approfondimento sul contesto storico-culturale e artistico del momento.

PERCORSI DIDATTICI

A) Percorso “All’ombra del Lago di Massaciuccoli”

Il percorso presenta aspetti sia naturalistici (l’ambiente lacustre, la vegetazione delle sponde, i giardini del lungo lago e, poco più sopra, panorami sul lago e sul mare) sia artistici-musicali ( Villa Orlando e Villa La Piaggetta che si ergono elegantemente sul lago di Massaciuccoli, lo Chalet del Lago o la Casa Museo Puccini e il Teatro sede del Festival Pucciniano che si specchia nelle acque del Massaciuccoli), sia legate alla tradizione e cultura del territorio (La Brilla, antico opificio dove si brillava il riso), e si articola nei seguenti itinerari:

PROPOSTA ITINERARIO N. 1

1) Le ville del Lago

Villa Piaggetta

La Brilla

Colline, borghi, pianura, olivi, lago…sono le tessere del mosaico che vanno a comporre il territorio del Comune di Massarosa. A Massaciuccoli, in particolare, piccola perla nascosta nel folto degli ulivi che si rivela allo sguardo dopo un percorso tortuoso fatto di un susseguirsi di curve, di rilevante interesse e valore storico-culturale gli scavi archeologici che testimoniano il popolamento del sito ad ancor prima dell’occupazione romana. In un connubio straordinario ed inscindibile, i resti di costruzione romane si inseriscono nel più ampio contesto del Parco Naturale di Migliarino San Rossore. La Brilla, storico opificio del 1800, oggi completamente ristrutturato, si trova all’interno dell’area protetta del lago di Massaciuccoli. E’ possibile visitare la villa (circa 40 minuti) e gustare prodotti tipici locali durante la sosta ricreativa. Villa La Piaggetta. La Villa, circondata da un bellissimo giardino in cui sono presenti specie botaniche rare confacenti con l’habitat lacustre, risale al 1800. A differenza di altre ville dello stesso periodo è molto “adattata” al luogo lacustre su cui sorge; basti pensare all’imbarcadero. Il panorama dalla villa è unico in quanto sorge direttamente sul lago. Per raggiungere la Villa dalla strada che collega La Brilla, bisogna fare una deviazione in direzione lago di circa 800 metri.

L’itinerario complessivo è della durata di circa 4 ore.

PROPOSTA ITINERARIO N.2

2) “Vissi d’arte…” Torre del Lago Puccini

Villa Orlando

Chalet Torre del Lago Puccini

Un profondo amore durato tre decadi è quello che legò Giacomo Puccini al ridente borgo di Torre del Lago che, a fine ‘800 quando vi giunse, trovò un luogo pittoresco e quieto. Nella piccola piazza aperta sul lago di Massaciuccoli si affaccia la maestosa Villa del Maestro, oggi Casa-Museo, dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica del grande artista.
Sempre nella piazza, di fronte alla villa Puccini e a due passi dal teatro dove ogni anno si tiene il festival Pucciniano, c’è lo Chalet Torre del Lago Puccini, sorto alla fine dell’800 e mirabilmente recuperato, conservando la sua antica struttura. Villa Orlando. La Villa si presenta come un palazzo a pianta quadra a connotazione neogotica al cui angolo di sud ovest si eleva una torre merlata imponente. Dalla cima della torre dell’imbarcadero, si gode un panorama spettacolare sul lago e sul paesaggio circostante.

L’itinerario complessivo è della durata di circa 4 ore.

B) Percorso “ Versilia tra mare e colline”

PROPOSTA ITINERARIO N. 3

3) “ Versilia tra mare e colline”

Villa Lorien

Villa Gobbi Benelli

Villa Cenami

Villa Compignano

Villa Le Pianore

Lungo la via Sarzanese nel tratto che va dal Monte di Quiesa fino all’abitato di Capezzano in Pianore, si trovano in successione 5 Ville che meritano sotto diversi punti di vista di essere visitate.

Dal piccolo borgo medievale si gode l’incantevole panorama della valle di Camaiore e delle colline ricche di uliveti e vigneti, dal comune di Massarosa, con i suoi borghi e pievi caratteristiche, si può altrettanto godere del tratto verde dei boschi e degli oliveti ma anche delle coltivazioni agricole e florovivaistiche della pianura: è il tratto delle suggestive vedute con la marina sullo sfondo.

Villa Gobbi Benelli. Continuando la via Sarzanese per 3 Km e deviando poi a destra in direzione Bargecchia in poco più di 5Km (10 minuti) si giunge a Villa Gobbi Benelli. Una delle ville Borboniche con gli interni maggiormente curati, ampi saloni, affreschi e camini di marmo la fanno da padrone. La villa è inserita in un paesaggio dominato dagli olivi e da essa si gode di un bel panorama sulla Versilia.
Villa Cenami. Villa Cenami, precedentemente conosciuta come Villa di Conca, ha preso la sua forma attuale nel 18° secolo, quando la Famiglia Cittadella ampliò una modesta casa di campagna, originariamente costruita nel 1100 e utilizzata come ostello dai pellegrini sulla via Francigena da e per Roma. Oggi la villa appare come dopo la ristrutturazione avvenuta nel 1800 a cura della famiglia Mazzarosa. Nel 19 ° secolo la famiglia Cenami ereditò la Villa e la sua tenuta. La struttura è sede di un grande uliveto, che ogni anno produce un ottimo olio di oliva, ad uso della famiglia e degli ospiti della villa. La cappella romanica, risalente al 12 ° secolo circa, conferma le origini dell’edificio come convento e come tale la cappella era una parte importante della proprietà. La chiesa fu dedicata a San Lorenzo, ed è conosciuta oggi come San Lorenzo di Conca Sotto, rimanendo l’edificio più antico nella zona circostante
Villa Lorien. Costruita nel 1500 la Villa del Colle, così all’epoca denominata, venne subito a far parte delle dipendenze del vicino convento per ospitarvi i propri certosini.La Villa rimase proprietà della Certosa di Farnese fino alla confisca napoleonica nel 1807. Dopo la caduta di Napoleone conobbe diversi padroni fino al 1846 quando fu acquistata dal nobile viareggino Francesco Del Prete. In questa villa hanno vissuto il dottor Rodolfo Giacchi e la moglie Telene Del Prete carissimi amici del maestro Giacomo Puccini, dei quali fu spessissimo ospite. Durante questi soggiorni Giacomo Puccini ebbe modo di ascoltare il suono delle campane del paese, che riprese per la “Tosca” durante il duetto fra Tosca e Scarpia alla fine del primo atto. In questa villa in assoluto incognito trascorse due settimane di vacanza la principessa Soraya di Persia.
Si narra la storia di Beatrice amava i fiori ed è stata membro del Garden Club, il cortile fiorito di rose. Nel 1962 la villa venne acquistata Olive Beatrice McLean e fu da lei battezzata “Lorien” (come si evince ancora oggi dalla targa appesa).
Villa Paolina a Compignano: la villa si trova poco sopra il Monte Quiesa (meno di 2 Km). Oltre che dalla presenza di Paolina Bonaparte che scontò qui 100 giorni di prigionia, la villa è caratterizzata dalla azienda agricola, dal grande parco con un giardino a balze all’italiana e dal panorama.
Villa Le Pianore. Ancora un paio di Km in direzione nord sulla via Sarzanese e dopo 4 o 5 minuti si arriva alle Pianore. Nata dalla ristrutturazione di un mulino la villa ha trovato la sua configurazione attuale nel 1800 anche se l’evoluzione e le aggiunte sono continuate anche dopo il periodo borbonico. Grande varietà floreale nel parco. La villa appartiene ad un ordine religioso ed è stata usata come istituto superiore nella seconda metà del secolo scorso.

MODALITÀ PRENOTAZIONE:

L’Associazione riceve le prenotazioni delle scuole esclusivamente tramite posta elettronica all’indirizzo info@associazionevilleversilia.com
I costi a carico dell’alunno copriranno: ingressi nelle ville, visite guidate, gadget, spese di segreteria. Non sono inclusi nel costo dell’iniziativa, le spese di trasporto, variabile in base alla provenienza degli alunni.
Al fine di evitare inconvenienti e di gestire al meglio tutte le prenotazioni, si prega di attenersi alle seguenti indicazioni:
1) Le prenotazioni dovranno essere effettuate entro il termine massimo di 20 giorni dalla data della visita compilando in ogni sua parte la scheda di prenotazione (da richiedere via email) relativa all’attività prescelta e firmando in calce; si dovrà attendere poi una mail riepilogativa di conferma della visita da parte della segreteria dell’Associazione;
2) Nelle visite alle Ville ogni guida può condurre un massimo di 25 persone;
3) Per i docenti accompagnatori è prevista una gratuità ogni dodici alunni;
4) Eventuali disdette devono essere comunicate almeno cinque giorni lavorativi prima della data stabilita, tramite posta elettronica di cui sopra; dopo tale termine la scuola è tenuta a pagare, direttamente ai soggetti promotori dell’iniziativa, il costo totale del progetto a cui aveva deciso di aderire;
5) Non saranno ammesse al beneficio del contributo le prenotazioni effettuate direttamente ai soggetti promotori delle attività o in difformità a quanto contenuto nella presente circolare.